Ma perché per i bambini è tanto importante trascorrere del tempo fuori casa?

Non è una banalità, ma purtroppo oggi, i nostri figli trascorrono più tempo dentro casa che fuori.

Non so voi, ma quando io ero piccola, non vedevo l’ora di finire i compiti per scendere in cortile a giocare. Un vero appuntamento quotidiano al quale non potevo (e non volevo) proprio sottrarmi!

I moderni bambini invece, contrariamente dai propri genitori, sono invece molto più attratti dalle attività ludiche che si possono fare all’interno delle mura domestiche – magari davanti a dei videogiochi – piuttosto che fuori.

Adesso i bambini non intendono sprecare le proprie energie davanti ad una bella corsa in giardino, ma preferiscono di gran lunga restare tappati in casa. Seduti sul divano, davanti ad uno schermo e spesso anche con una cattiva postura.

Eh già, questa è la fotografia dei figli 2.0. Una triste conseguenza questa della vita moderna.

 

 

Studi recenti hanno rivelato il beneficio per i bambini – ma anche per gli adulti – di trascorrere più tempo libero a contatto con la natura.

La vita all’aria aperta infatti, ha molteplici effetti benefici sia sul corpo che sulla mente. 

I bambini che giocano all’aria aperta – secondo gli esperti – sarebbero più intelligenti, più felici, più attenti e meno ansiosi rispetto ai loro coetanei “pelandroni”.

Vivere a contatto con la natura o comunque all’aria aperta, ha numerosi effetti rigeneranti sia sul corpo che sullo spirito.

Insomma, la natura ricarica proprio le batterie. Provare per credere!

 

Ma perché è importante per i bambini trascorrere del tempo fuori casa? Vediamo insieme quali sono i vantaggi.

 

Aumenta l’autostima e l’autonomia.  Il gioco libero fatto fuori casa, a detta degli scienziati, contribuisce ad incrementare le competenze dei nostri figli. Davanti ad un eventuale difficoltà infatti, loro imparano a risolvere i problemi in maniera autonoma e a cavarsela da soli (il così detto Problem Solving). Un vero tocca sana per la loro autostima!

 

•  Promuove la creatività e l’immaginazione. È dimostrato che il gioco all’aria aperta stimoli nei bambini la fantasia e la creatività. Una meravigliosa occasione dunque, per inventare – in spazi aperti e con materiali naturali – numerosi giochi e passatempi piacevoli ed educativi.

 

 

 

 

•  Insegna ad essere responsabili.  Stare a contatto con la natura contribuisce a sviluppare nei bambini un legame con il mondo. Il gioco infatti, è il mezzo attraverso cui i piccoli possono vivere il territorio in maniera più consapevole e responsabile.

 

•  Fornisce stimoli sempre nuovi.  La natura offre stimoli che sviluppano i cinque sensi. Fuori casa infatti, è possibile vedere, sentire, odorare e toccare nuovi ambienti esterni. Un mondo dunque tutto da scoprire lontano dalla televisione.

 

•   Aiuta i bambini a muoversi di più .  Il gioco fatto all’esterno allontana i bambini dalla sedentarietà e crea le basi per un sano e corretto sviluppo motorio. Correre e giocare all’aria aperta infatti, sono in assoluto i migliori esercizi fisici che un bambino possa eseguire. Inoltre i giochi all’aperto consentono di dare ai bambini libero sfogo alla loro grande voglia di movimento. E questo può solo che renderli più rilassati e sereni.

 

•  Li fa pensare.  La natura stimola le capacità cognitive dei bambini. Mettere il naso fuori casa, aiuta i bambini a porsi delle domande sulla terra e sulla vita. Quando i bambini giocano all’aperto imparano a pensare e a comprendere meglio il mondo che li circonda.

In sostanza, credo che vivere la natura faccia bene, il telefonino un po’ meno.

E allora … Tutti a giocare in cortile!

 

Per un bambino piccolo, non ancora in grado di apprendere dalla pagina stampata o di sostenere la routine scolastica, la Natura è una fonte infallibile di divertimento e istruzione.”Cit. Ellen G. White

 

E tu cosa ne pensi?

 

NON ANDARE VIA, C’E’ ANCORA MOLTO ALTRO DA LEGGERE

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: