Come difendere i bambini dalla stanchezza primaverile?

Ad Aprile e comunque con l’arrivo della primavera abbiamo tutti più sonno. E’ come se fossimo già stanchi – sia mentalmente che fisicamente – già al nostro primo risveglio.

Trovare le energie per affrontare una nuova giornata (anche di un’ora più lunga per giunta … ), può sembrare, avvolte, un’impresa davvero titanica!

E la stesso discorso vale anche per i nostri figli!  Nelle mattine di primavera ad esempio, i bambini faticano più del dovuto a svegliarsi, oppure hanno difficoltà a mantenere alto il livello di concentrazione durante le ore di studio. Insomma, siamo sinceri, l’aria di primavera genera non poche difficoltà all’interno delle nostre case.

 

child-3118848_640

Ma perché in primavera ci sentiamo così affaticati? Da cosa deriva tutta questa stanchezza?

 

La risposta è presto data.

E’ tutta colpa della melatonina, un ormone prodotto da una ghiandola posta alla base del cervello, che ha la funzione di regolare il  ciclo sonno-veglia. Con l’arrivo della primavera dunque, a causa di una maggiore esposizione alla luce, il nostro fisico produce questo ormone in maniera inferiore, rispetto alla stagione invernale appunto.

Questo vuol dire: meno melatonina, meno sonno.

Così con l’arrivo delle belle giornate siamo tutti  – adulti e bambini – iper sollecitati. Non riusciamo ad andare a dormire presto e la conseguenza è che purtroppo la mattina, facciamo una fatica bestiale ad alzarci dal letto.

Quella che definiamo così fiacca, non è altro che la necessità da parte del nostro corpo di adattarsi a nuovi ritmi primaverili.

Ma come possiamo difendere i bambini dalla stanchezza primaverile e fargli ritrovare la giusta carica?

Ecco alcune dritte.

Far trascorrere  ai bambini più tempo all’aria aperta. Portiamoli a giocare in giardino oppure al parchetto sotto casa. Dobbiamo fare in modo che i nostri marmocchi arrivino la sera stremati. La regola deve essere una sola, ovvero: trascorrere il maggior tempo possibile allaria aperta. Stare fuori casa, fa bene ed il movimento pure!

Non far giocare i bambini con tablet o smartphone prima di andare a letto. Questi dispositivi elettronici infatti, rischiano di rendere più attivi i nostri figli, stimolandoli ulteriormente. Troppi stimoli agitano i bambini, tanto che alla sera poi fanno molta fatica ad addormentarsi.

Mangiare in maniera salutare. La parola d’ordine di questa primavera deve essere: dieta sana e questo perché anche l’alimentazione gioca un ruolo molto importante per un salutare sonno. Evitate quindi di far mangiare ai bambini cibi molto ricchi di grassi e di zuccheri semplici – tipo: bevande zuccherate o snacks ipercalorici – prima di andare a letto. Non dimentichiamoci che rallentano il processo digestivo e sovraccaricano il fegato.  Meglio prediligere l’uso di frutta e verdura di stagione. E’ consigliabile fare il pieno di vitamine, minerali ed antiossidanti. Anche se da mamma, ahimè, so quali difficoltà si possono incontrare nel convincere i bambini ad assumere questi cibi salutari …

– Se avete la possibilità, lasciate dormire il bambino il più possibile, nei giorni in cui non hanno impegni, tipo il sabato o la domenica ad esempio. Il riposo aiuta nostro figlio a regolarizzare il proprio orologio biologico che con l’arrivo della bella stagione, viene davvero messo a dura prova ed ha necessità di regolarsi.

 

child-166062_640

 

Dormire dunque è il solo ed unico rimedio per contrastare concretamente le fatiche primaverili.

Ma se notiamo che la stanchezza persiste, in noi o nei nostri figli allora è bene rivolgerci al nostro medico di fiducia per un consulto medico.

 

NON ANDARE VIA, C’E’ ANCORA MOLTO DA LEGGERE 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: