Quando il bambino è mancino.

In passato il mancinismo veniva vissuto all’interno delle famiglie come un vero e proprio dramma.

Per fortuna che sono passati i tempi in cui i bambini mancini venivano obbligati a scrivere con la mano destra …

Oggi, infatti, scoprire che il proprio figlio è mancino non è più un problema! E questo perché ormai la scienza ha dimostrato che essere mancini non è un segno di debolezza, quanto di forza!

 

Ma chi sono i mancini?

 

I mancini sono delle persone che tendono ad utilizzare, in parte o del tutto, il lato sinistro del corpo per compiere movimenti e/o gesti automatici e volontari.

 

Come è noto, il nostro cervello è composto da due emisferi, ognuno dei quali controlla funzioni diverse. L’emisfero destro, associato agli arti di sinistra, condiziona le capacità artistiche, la creatività e la velocità di ragionamento. Quello sinistro, invece, associato agli arti di destra, è responsabile delle capacità matematiche e logiche. Ecco, nei mancini è l’emisfero destro a essere predominante: in loro quindi oltre a prevalere l’utilizzo della mano sinistra, prevale anche il pensiero intuitivo e della creatività.

 

 

 

 

A quale età si manifesta il mancinismo?

In genere verso i due anni il bambino dimostra il proprio mancinismo, fino ai 12-18 mesi, infatti, i piccoli utilizzano indistintamente entrambe le mani. Per questa ragione i pediatri consigliano sempre agli adulti di porre gli oggetti in posizione centrale, in modo tale che il bambino non subisca condizionamenti sulla scelta della mano da utilizzare.

 

Come comportarsi nei confronti di un bambino mancino?

Il mancinismo non deve essere mai corretto da parte dei genitori. Forzare il bambino a diventare destrimano è assolutamente sconsigliato! E questo perché vietare una gestualità – a loro avviso naturale – potrebbe generare nei bambini inutili disagi emotivi e stress psicologici. Per contro sarà molto più producente aiutare il bambino a crescere sviluppando questa sua particolarità. La correzione forzata, infatti, potrebbe apportare dei ritardi di sviluppo nella funzione motoria dell’emisfero destro del cervello.

 

Agevolare la vita.

Vivere in un mondo fatto per “destri” non è semplice per i mancini. E allora perché non utilizzare degli appositi oggetti pensati appositamente per loro? Fortunatamente l’industria  è andata avanti e possiamo trovare in commercio tanti come: forbici, apriscatole, mouse per computer, attrezzature sportive

 

 

 

Vantaggi nello sport.

Molti mancini riescono a raggiungere risultati brillanti in determinati sport. E questo perché oltre ad avere dei tempi di reazione più rapidi, riescono soprattutto a confondere gli avversari destrorsi, abituati ad affrontare loro simili.  Ad esempio nella pallavolo il mancino è preferito nell’attacco dal lato destro del campo oppure nell’hockey su ghiaccio si preferiscono giocatori mancini.

 

Lo sai che …

– Il termine mancino deriva dalla parola latina “mancus” che è sinonimo di mutilato e storpio. Insomma, il termine coniato non voleva essere proprio un complimento, tutt’altro!

– La Giornata Internazionale dei Mancini ricade annualmente il 13 agosto.

– È meglio utilizzare penne o matite dure in modo tale da evitare possibili sbavature.

Personaggi mancini famosi: Albert Einstein, Jimi Hendrix, Barack Obama, Diego Armando Maradona, Leonardo Da Vinci.

 

E tu sei ancora preoccupato se tuo figlio è mancino? 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: