Come sviluppare nel bambino un buon rapporto con la nanna

Dormire bene è fondamentale sia per i genitori che per i figli.

Il riposo dei bambini però, a differenza del nostro, ha delle importanti conseguenze benefiche sia sull’organismo ma anche sulle funzioni cognitive.

In poche parole attraverso la nanna i più piccoli riescono sì a ricaricare le batterie, ma anche a crescere in maniera adeguata.

È solo durante le fasi di sonno più profondo, infatti, che il cervello produce la somatotropina – l’ormone della crescita – responsabile dello sviluppo delle ossa, della massa muscolare e della cartilagine.

Quindi se vostro figlio dormirà per un numero sufficiente di ore, potete pur stare certi che la sua crescita sta avvenendo correttamente.

Le ore di sonno dei bambini sono legate sia all’età ma anche in base al loro temperamento. Non preoccupatevi quindi se vostro figlio dormirà qualche ora di più o in meno rispetto ad un suo coetaneo, l’importante è che il bambino cresca in maniera adeguata.

Tenete comunque presente che un sonno poco regolare può causare in vostro figlio  irrequietezza, iperattività e difficoltà di concentrazione.

 

Al fine di evitare questi scompensi è utile impostare una routine serale che permetta i bambini di addormentarsi serenamente all’interno del proprio lettino.

 

Il rituale della buonanotte.

Al momento della nanna è bene stabilire un semplice ma efficace rituale della buonanotte.

 

– Andare a letto, nei limiti del possibile, sempre alla stessa ora. È importante che si vada a letto sempre allo stesso orario ed è buona norma evitare di iperstimolare il piccolo prima di metterlo a dormire. Un cambiamento di orario, seppur lieve, potrà suscitare nel bambino inutili nervosi.

 

– Crea un’atmosfera adeguata. Nostro figlio per dormire bene, dovrà sentirsi immerso in un ambiente assolutamente confortevole, privo di rumori e luci violente.  E’ perciò vietato l’uso del televisore e più in generale di tutti i giochi rumorosi e/o luminosi. Anche la temperatura della cameretta gioca un ruolo davvero importante, ricordatevi sempre di mantenerla intorno ai 18-20°.

 

– La storia della buonanotte è uno dei rituali più apprezzati dai bambini. Magari scegliete delle tematiche che riguardino proprio il rito dell’andare a nanna, in modo tale che nostro figlio abbia la possibilità di identificarsi con il protagonista della storia. E’ buona abitudine andare a letto quando il bambino è ancora sveglio. Così facendo vostro figlio sarà sicuramente più rilassato perché consapevole di cosa lo aspetterà.

 

La costruzione di questo tipo rituale ci aiuterà sicuramente ad instaurare un buon rapporto tra il vostro bambino ed il momento del sonno.

 

 

E tu quale rituale della nanna hai deciso di adottare per il tuo piccolo?

 

Se ti va, raccontalo nei commenti.

Ti potrebbe interessare:

La paura del buoi nei bambini piccoli.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: