L’importanza di dire “NO”

Non è facile crescere i figli. Certo è che se se vogliamo educarli e prepararli al futuro, dobbiamo necessariamente sapere dir di ‘no’ alle loro richieste.

Grazie ai ‘no’ infatti, i bambini imparano ad accettare le rinunce e non vengono tirati su con l’errata convinzione che ogni cosa nella vita gli sia dovuta!

Ma andiamo a scoprire insieme qual’è il modo più corretto per dire NO ai nostri figli.

Le regole.

Come prima cosa le regole ed i divieti devono essere stabiliti in accordo fra entrambi i genitori. Se non è presente una comune linea educativa, i bambini saranno confusi e destabilizzati. È fondamentale quindi che i genitori condividano sempre le stesse idee e questo al fine di non trasmettere mai messaggi contraddittori ai propri figli. E’ quindi  importante che le regole siano chiare e precise.

Limitare il numero dei divieti.

Dite ‘no’ solo quando effettivamente necessario. Quando i ‘no’ sono troppo frequenti perdono il loro valore e significato e quindi non sortiscono l’effetto desiderato. Essere troppo permissivi è sì deleterio, ma fate attenzione anche a non dire costantemente ‘no’ perchè così facendo rischiamo di generare importanti danni! Attenzione dunque a non esagerare con i ‘no’.

Fornire un’alternativa.

Cercate di accompagnare i ‘no’ sempre ad un’alternativa. E’ importante che i bambini imparino a decidere in autonomia quello che possono o non possono fare. Le alternative sono funzionali nel processo di crescita dei figli e contribuiscono a sviluppare le personalità dei nostri bambini.

Non perdere la pazienza.

Se il bambino urla e strilla in seguito ad un ‘no’, cercate di mantenere la calma e non lasciatevi impietosire dai loro lamenti. In questi casi invece di aumentare il tono della voce, provate ad abbassarlo! Mostrandovi calmi e risoluti, il bambino si calmerà più in fretta. E comunque ricordatevi che in questi casi gli adulti siete voi.

Coerenza.

Essere coerenti è un’altra regola fondamentale da seguire. Quando dite ‘no’ a vostro figlio sappiate che dovrà essere un ‘no’! Solo in questo modo riuscirete ad essere credibili ai loro occhi.

Imparare a comunicare.

I ‘no’, i divieti e le regole devono essere tutti comunicati in maniera chiara, con linguaggio semplice ed attraverso un tono convinto. Spesso non ci accorgiamo che è più nocivo un SI detto in maniera superficiale piuttosto che un ‘no’ pronunciato con autorevolezza e consapevolezza, pensateci.

Essere empatici.

Provate ad immedesimarvi in vostro figlio. Fategli capire che anche voi provate quello che lui sente. Cercate di tradurre i suoi sentimenti con parole. Anche se si tratta di un ‘no’, ricordatevi che deve essere dato sempre trasmettendo amore e sicurezza.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: