Rimedi per combattere i pidocchi

Con l’inizio della scuola si presenta per le mamme il solito, puntuale, drammatico problema, ovvero quello dei pidocchi.  

 

Rimedi per eliminare i pidocchi.

 

Come sono fatti i pidocchi.

I pidocchi sono dei piccoli insetti di colore grigiastro con sei zampette, si nutrono prevalentemente di piccole quantità di sangue che prelevano direttamente dal nostro cuoio capelluto. Si concentrano perlopiù sulla nuca, sulla parte superiore del collo e dietro le orecchie, dove lì tendono a deporre le uova – dalle 6 alle 8 al giorno – chiamate lendini. 

Calore, umidità e buio sono condizioni ottimali per la loro riproduzione. Le uova di pidocchio o lendini appunto, sono visibili alla base del capello, nei primi centimetri e possono essere sia di colore chiaro che scuro e misurano circa1 mm ed hanno una forma allungata.

Le uova sono saldamente attaccate al capello e spesso vengono scambiate con la forfora. Le lendini possono sopravvivere anche due settimane e si schiudono nel giro di una settimana. Anche se sono molto piccoli, i pidocchi sono visibili ad occhio nudo, così come le lendini.

Facciamo ora un po’ di chiarezza: i pidocchi non saltano e non volano. 

Altro pregiudizio è credere che i pidocchi infestino solo le persone sporche. E’ vero il contrario, perché questi parassiti preferiscono un ambiente secco e pulito.

Qualsiasi individuo può essere dunque infestato dai pidocchi, indipendentemente dalla sua igiene.

 

Come avviene il contagio dei pidocchi?

Il contagio avviene quasi esclusivamente per trasmissione diretta (testa a testa), oppure indirettamente – magari attraverso lo scambio di cappelli o altri indumenti.

Il sintomo più evidente di qualunque tipo di pidocchio è il prurito.

 

Rimedi contro i pidocchi o lendini.

– Al fine di debellare l’infestazione è fondamentale rimuovere le uova. Per diversi giorni è consigliabile passare più e più volte un pettinino a denti fitti – questo è uno dei metodi più efficaci. Prima di passare il pettinino, è preferibile bagnare i capelli con una lozione di acqua ed aceto, perché distrugge la sostanza appiccicosa che tiene i lendini attaccate ai capelli.

– Fai subito il trattamentospecifico contro i pidocchi, acquistabile senza prescrizione medica in farmacia (generalmente, il principio attivo contenuto è la permetrina all’1%). Meglio scegliere un prodotto sotto forma di crema, lozione o schiuma, visto che shampoo e polveri sono meno efficaci. Usa il prodotto seguendo attentamente le istruzioni riportate in etichetta  e ripeti il trattamento dopo 7-10 giorni. Mi raccomando: cambia prodotto se quello che hai usato non si è dimostrato efficace!

– Gli abiti e le lenzuola dovranno essere lavati ad alte temperature. Se non possono essere lavati, chiuderli in un sacco di plastica per 15 giorni, affinché i pidocchi presenti e quelli che nasceranno dalle eventuali uova, muoiano per mancanza di nutrimento.

– Controlla la testa di tutte le persone della famiglia e fai il trattamento solo alle persone che hanno i pidocchi o lendini possibilmente lo stesso giorno.

Una buonaprevenzione è comunque molto importante, per ridurre al minimo la possibilità di ulteriori trasmissioni del parassita. E’ consigliabile sempre e comunque:

– controllare regolarmente la testa del bambino;

– eseguire il trattamento solo se ci sono i pidocchi;

– togliere accuratamente le lendini;

– mandare il bambino a scuola solo dopo aver effettuato il trattamento specifico;

– informare tempestivamente il personale della scuola.

Ad ogni genitore dunque la sua parte …

E tu che esperienza hai avuto con i pidocchi? Conosci altri rimedi? Scrivi la tua esperienza nei commenti.

 

Forse ti potrebbe interessare:

Ossiuri: Vermi nei bambini. Consigli e rimedi.

 

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: